Industry 4.0: le opportunità per le PMI

Industry 4.0: le opportunità per le PMI

L’evoluzione tecnologica offre grandi opportunità per le imprese, ma anche sfide complesse da affrontare, soprattutto per le PMI. Tuttavia, non digitalizzare il proprio business significa perdere competitività.

Ogni settore, senza eccezioni, sta affrontando un certo grado di disruption digitale: nel mondo dei media interi modelli di business hanno già sperimentato disintermediazione e logiche prosumer, nel turismo la quota di transazioni online è ormai predominante. E ancora: la maggior parte delle startup basa la sua esistenza sul supporto di dispositivi digitali, il sistema bancario apre a soluzioni fintech e anche la consegna del cibo avviene per il tramite di piattaforme online. E poi c’è la cosiddetta industria 4.0, la quarta rivoluzione industriale delle imprese che abbraccia anche i settori produttivi tradizionali, dalla meccanica al tessile, dall’automotive al commercio.

La digitalizzazione tocca ogni aspetto delle organizzazioni, non solo delle grandi imprese ma anche delle PMI, e richiede uno sforzo di coordinamento di competenze, risorse, persone e processi. Diventa dunque cruciale e necessario riformare il sistema produttivo e quello della formazione; a questo proposito il Governo ha presentato un Piano di innovazione che si focalizza su tre direttrici fondamentali:

  • Incentivi fiscali finalizzati a premiare alti tassi di produttività;
  • Fondi alle università per diffondere la cultura sui nuovi sistemi organizzativi;
  • Potenziamento delle telecomunicazioni, tramite la banda ultralarga: sono stati stanziati 6,7 miliardi di Euro specificamente per il cablaggio delle imprese

La banda ultralarga è la precondizione per accogliere la sfida dell’Industria 4.0 mentre la detassazione degli investimenti in innovazione premia gli imprenditori che iniziano una trasformazione di business in ottica intrinsecamente digitale.

industria-4-0

Le tecnologie abilitanti dell’Industria 4.0. secondo il Piano Nazionale del Governo. Immagine via Pmi.it

Nonostante il tentativo governativo di accompagnare le imprese nella rivoluzione 4.0., però, la maggior parte incontra ancora difficoltà a sostenere il ritmo dell’innovazione: una recente indagine commissionata da Dell e Vanson Bourne mostra infatti che il 41% dei top manager italiani interpellati teme l’obsolescenza della propria azienda nei prossimi 3-5 anni. E a rischiare di restare indietro sul mercato sono soprattutto le PMI, che spesso faticano a sostenere i costi di adozione delle nuove tecnologie e della relativa formazione, e soffrono la pressione della concorrenza delle multinazionali da un alto e dei nuovi player nativi digitali dall’altro. D’altro canto, è proprio l’industry 4.0 a dare alle PMI la possibilità di superare la barriera fisica rappresentata dai territori, rivolgendosi al mercato internazionale.

Le imprese che hanno condotto con maggior successo la transizione verso il digitale hanno lavorato su strategia aziendale, customer decision journey, automazione e sviluppo degli analytics. Innanzitutto, per trarre vantaggio dalla digitalizzazione, è necessario integrarla nella strategia di business rivedendo la propria propensione al rischio: ciò che conta è infatti cercare di prevedere come il digitale sposterà la creazione di valore nei prossimi 3 o 5 anni per il proprio settore di riferimento, e investire in quella direzione. Inoltre, l’esperienza di interazione tra cliente e azienda, su più canali e in vari touchpoint diventa fondamentale sul digitale: le imprese, anche medie o piccole, che conoscono a fondo il processo d’acquisto dei clienti registrano una crescita del fatturato del 10-15%. Raccogliere dati di profilazione della clientela e aggregarli in analytics consente di proporre ai clienti offerte su misura in tempo reale, arrivando a rispondere alle esigenze dei clienti prima dei competitors.

Le piattaforme di fatturazione digitale, fatturazione in cloud e invoice financing si inseriscono a pieno titolo nell’ambito delle trasformazioni digitali introdotte dall’industry 4.0. e offrono vantaggi competitivi e nuove soluzioni alle imprese grazie alle proprie piattaforme digitali. CashMe ad esempio permette alle imprese di monetizzare le fatture emesse ottenendo liquidità immediata, senza dover né attendere i tempi di pagamento dei clienti né senza dover passare dal tradizionale canale bancario per ottenere un prestito o  un tradizionale anticipo fattura.

About the Author

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato