Invoice Trading: oltre un miliardo di euro alle PMI italiane

Invoice trading, superato il miliardo di euro di finanziamenti alle imprese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

L’invoice trading sempre più protagonista del settore della finanza alternativa in Italia, secondo i dati raccolti dal terzo quaderno di ricerca sul settore a cura del Politecnico di Milano.

L’invoice trading cresce ancora e supera il miliardo di euro di finanziamenti erogati alle PMI: secondo i dati elaborati dalla terza edizione dei quotidiani di ricerca sulla finanza alternativa per le piccole e medie imprese del Politecnico di Milano, infatti, nel periodo che va da luglio 2019 a giugno 2020 il flusso totale di finanziamenti alternativi al credito bancario raccolti tramite piattaforme di invoice trading come CashMe è stato pari a 1.156,7 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto ai 939,4 milioni del periodo precedente.

L’invoice trading guida la crescita del settore della finanza alternativa in Italia

Nel complesso, il settore della finanza alternativa al credito bancario è cresciuto del 4% anno su anno, raggiungendo i 2.670 milioni di euro rispetto ai 2.560 milioni dell’anno precedente. In crescita, ma su volumi molto più contenuti rispetto all’invoice trading, il lending crowdfunding (passato da 84,2 a 179,6 milioni di euro) e l’equity crowdfunding (da 49 a 76,6 milioni di euro). 331 milioni i volumi raccolti tramite i Minibond, mentre diminuiscono da 1.188 a 894 milioni quelli tramite private equity e venture capital.

L’invoice trading, oltre a essere uno dei più importanti canali di finanziamento in termini di volumi, è anche lo strumento maggiormente utilizzato dalle piccole e medie imprese italiane (incluse le micro), grazie a una user experience ottimale dal punto di vista della flessibilità e rapidità con cui riesce a rispondere alle esigenze di liquidità delle aziende. Questo è quello che emerge, infatti, da una serie di interviste condotte dagli autori del report in collaborazione con Innexta e rivolte direttamente ai clienti finali.

Uno strumento complementare al credito bancario

Tra i motivi del successo dell’invoice trading va sottolineato, in particolare, quello di essere uno strumento che non ha la pretesa di sostituirsi interamente alle banche. La cessione dei crediti su piattaforme come CashMe consente infatti alle imprese di ottenere un effetto positivo sul bilancio di fine anno, trasferendo il rischio verso l’acquirente del credito e senza ricorrere a ulteriore debito finanziario, migliorando di conseguenza il rating bancario e permettendo alle imprese di sedersi allo stesso tavolo delle banche ma da una posizione di maggiore forza negoziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi saperne di più?

Hai bisogno di ulteriori informazioni? Non esitare a contattarci attraverso uno dei seguenti canali: 

 

SCRIVICI

Usa il form dedicato per inviarci un messaggio o farti ricontattare da un consulente specializzato.

 

CHIAMACI

Chiamaci al numero clienti, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.

 

CHATTA CON NOI

Scrivi ai nostri assistenti via chat, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.