Le PMI e l’inarrestabile morsa del credit crunch

Le PMI e l’inarrestabile morsa del credit crunch

La stretta creditizia bancaria non concede tregua alle PMI italiane: nonostante la ripresa, le banche continuano a frenare le erogazioni alle imprese.

Da una delle più recenti pubblicazioni della Banca d’Italia emerge un paradosso che sta interessando l’economia del nostro Paese dal 2015: nonostante la ripresa, che sta lentamente facendo dimenticare i periodi più neri della crisi bancaria, continua il fenomeno del credit crunch, ovvero il calo nella concessione di credito alle imprese.

Questo paradosso si verifica perché le banche si sono concentrate sul debellamento dei crediti in sofferenza – i cosiddetti Npl –  prima di valutare un aumento delle erogazioni di nuova liquidità alle piccole realtà imprenditoriali. Secondo la BCE, le banche stanno propendendo sempre di più verso l’erogazione di finanziamenti di medio lungo termine piuttosto che di breve periodo, per timore di incorrere nella formazione di nuove sofferenze e per beneficiare anche di incentivi volti a favorire  le erogazioni di medio-lungo periodo.

Il calo delle erogazioni alle imprese tra giugno 2016 e giugno 2017. Fonte: Linkerblog.biz

Le PMI permangono, quindi, in una situazione di difficoltà nella quale non riescono a reperire la liquidità necessaria a mantenere la stabilità finanziaria e a investire per crescere.

È fondamentale, per tutto il sistema Paese, che le PMI vengano sostenute e supportate nelle loro attività produttive, affinché continuino ad essere il motore trainante dell’economia italiana.

Una soluzione innovativa arriva dalla finanza alternativa, in particolare dall’invoice trading della piattaforma CashMe che consente alle imprese di superare gli ostacoli presentati dal credit crunch bancario. Le aziende possono autofinanziare il proprio capitale circolante monetizzando direttamente i propri crediti commerciali, cedendoli tramite un meccanismo d’asta ad investitori qualificati, ottenendo, in questo modo, liquidità immediata

About the Author

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato